Immagini intestazione Immagini intestazione Immagini intestazione Immagini intestazione Immagini intestazione Immagini intestazione Immagini intestazione

Istituto di Istruzione Superiore
Sen. Angelo DI ROCCO

Via Leone XIII, 64 - 93100 CALTANISSETTA
Tel.0934.591250 - Fax 0934.595517
email: CLIS00900V@istruzione.gov.it C.F.:01584930851

Si trasmette in allegato la documentazione utile alla fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo - anno scolastico 2018/2019, ai sensi della Legge 448/1998 art. 27, DPCM 05/08/1999. n.320 DPCM 04/07/200, n. 226 e 06/04/2006, n° 211.

Circolare n. 72 - Fornitura gratuita e semigratuita dei libri di testo - a.s. 2018/2019
Circolare Regionale n. 3 del 13-02-2019 di pari oggetto
Mod. domanda contributo fornitura gratuita e semigratuita libri di testo (L. 448/98)

Il Dirigente Scolastico
Prof.ssa G. TERRANOVA

Iscrizione2019.jpg

vai su www.iscrizioni.istruzione.it

CLIS00900V_poster.png

La Riforma dei Professionali di Stato e il raccordo con la IeFP Regionale

convegno21-01-19.jpeg

Con una lectio magistralis a cura del dirigente tecnico dell’U.S.R. Sicilia dott. Filippo Ciancio, presso l’aula magna dell’Istituto d’Istruzione Superiore “ Sen. Angelo Di Rocco” di Caltanissetta, gremita di dirigenti scolastici e docenti, provenienti da tutta la Sicilia, si è tornati, per il secondo anno consecutivo, ad esaminare le novità che introduce la recente riforma degli Istituti Professionali Statali eil nuovo Accordo territoriale tra Regione Siciliana e l’U.S.R. Sicilia per l'erogazione da parte delle Istituzioni scolastiche dell'offerta formativa di Istruzione e Formazione professionale in regime di sussidiarietà, in attuazione dell’art. 7 comma 2 d. Lgs. 61/2017.

I lavori sono stati introdotti dal dirigente scolastico, prof.ssa Giuseppina Terranova, che ha espresso compiacimento per l’iniziativa e ha sottolineato l’importante dimensione professionale che l’istituto da sempre persegue in stretto rapporto con le istanze del territorio, riferendosi anche alle intese con l’ente locale col quale, tra le numerose attività, si intende valorizzare la tradizione del torrone con un interessante percorso di maestri torronai che la scuola ha inserito nel PTOF. Il plauso, per questa giornata di formazione, è stato espresso anche dal Governatore della Sicilia Nello Musumeci con una nota che la dirigente Terranova ha illustrato ai presenti.

I lavori sono stati moderati dalla prof.ssa Gabriella Di Carlo che ha anche portato i saluti del dirigente dell’ambito territoriale dott. Luca Girardi.

Il relatore dott. Ciancio, già dirigente dell’ambito territoriale di Caltanissetta ed Enna, ha fornito indicazioni chiare e precise sull’organizzazione della didattica che dovrà far percepire i saperi appresi come utili, significativi e riscontrabili nel reale, non solo attraverso il potenziamento delle attività laboratoriali, ma anche con la rimodulazione dei quadri orari, tenendo conto degli ambiti di istruzione (formale, non formale, informale) in cui si sviluppa la formazione del discente, che ha l’istanza di acquisire competenze chiave per poter entrare nel mondo del lavoro, come si legge nella recente Raccomandazione del Consiglio dell’unione europea sulle competenze chiave per l’apprendimento permanente, del 22 maggio 2018. A questo scopo, il dirigente Ciancio ha sottolineato l’accentuata flessibilità organizzativa-didattica e la personalizzazione dei percorsi, per corrispondere alla diversità degli stili cognitivi degli studenti, alle attitudini, ai differenti livelli motivazionali. Ha spiegato che la riforma delinea ora 11 indirizzi di studio in luogo dei due settori (Servizi e Industria e artigianato), che comprendevano sei indirizzi. Fermo restando il comune assetto organizzativo e didattico, per ciascuno degli indirizzi è definito il Profilo educativo, culturale e professionale (PECUP), o profilo in uscita dello studente, con i relativi risultati di apprendimento declinati in termini di competenze, abilità e conoscenze.

Circa l’assetto organizzativo, resta la struttura quinquennale dei percorsi di istruzione professionale (IP), con il rilascio del diploma di istruzione secondaria superiore, e la loro articolazione in un biennio e in un successivo triennio. Nel biennio può completarsi l’obbligo dell’istruzione, che può altresì continuare ad essere assolto anche nei percorsi di istruzione e formazione professionale (IeFP) di competenza delle regioni. Numerosi gli interventi dei dirigenti e dei docenti presenti afferenti soprattutto le implicazioni amministrative, il relatore dott. Ciancio ha sottolineato il deciso superamento del concetto della classe tradizionale e dell’anno scolastico per un nuovo modello di scuola meno rigido e più centrato sulla personalizzazione degli apprendimenti, attraverso la realizzazione del Progetto formativo individuale che il Consiglio di classe redige per ogni studente, entro il 31 gennaio del primo anno di frequenza per rilevare sia le potenzialità sia le carenze di ogni alunno e orientarli nella progressiva costruzione del proprio percorso formativo e lavorativo.

Il dirigente Ciancio si è quindi soffermato sull’obbligata aggregazione delle discipline di studio all’interno degli assi culturali, per favorire una migliore progettazione interdisciplinare dei percorsi didattici grazie ad una metodologia induttiva e a una didattica modulare, per Unità di apprendimento (UDA), che, partendo da obiettivi formativi adatti e significativi per lo studente, sviluppino appositi percorsi di metodo e di contenuto, tramite i quali si valuterà il livello delle conoscenze, delle abilità e delle competenze acquisite. Per quanto attiene l’organizzazione della didattica, le istituzioni scolastiche, nella stesura del PTOF, potranno utilizzare la quota di autonomia per l’orario complessivo del Biennio e del Triennio, pari al 20% delle discipline di studio e delle attività di laboratorio nonché le quote di flessibilità del 40% dell’orario complessivo del terzo, quarto e quinto anno di corso per rimodulare l’offerta formativa allorquando, in regime di sussidiarietà, esse intendano, a domanda dello studente, rilasciare anche le qualifiche triennali e i diplomi professionali quadriennali, previo accreditamento della regione.

A conclusione dei lavori, il relatore ha annunciato che altri seminari di approfondimento seguiranno per promuovere l’innovazione e per supportare le scuole nella realizzazione di questi importanti cambiamenti che investono gli Istituti Professionali.

La riforma dei Professionali e l’I&FP regionale
I nuovi professionali e l’I&FP
Accordo sui passaggi

Il Dirigente Scolastico
Prof. G. TERRANOVA

Poesia di Aldo Masullo in memoria di un ragazzo migrante annegato.
Il grande filosofo dedica i suoi versi al 14enne del Mali annegato
nel Mediterraneo, con la sua pagella scolastica  cucita nella giacca...

 

PAGELLA DI SCOLARO IN FONDO AL MARE

La portavi cucita sul petto
- medaglia al tuo valore
risorsa estrema per avere almeno
un poco di rispetto -
l'orgogliosa pagella di scolaro
tu, solitario ragazzino perso
nell'immensa incertezza del migrare
corpicino in balia d'infide forze.
Non t'è servita
a salvarti la vita
ma t'è rimasta stretta sopra il cuore
fedele come il cane di famiglia
a custodir del tuo abbandono l'onta
e finalmente sbatterne l'orrore
in faccia all'impunita indifferenza
della presente umanità d'automi.

Aldo Masullo - 18 gennaio 2019